LABIOPLASTICA

Il trattamento che libera le donne da complessi e disagi, oltre a risolvere anche problematiche sessuali

perchè scegliere la labioplastica?

La labioplastica è un intervento finalizzato a migliorare l'estetica dell'area genitale, risolvendo alcuni disturbi e malformazioni congenite (come l'ipertrofia delle piccole labbra) che, oltre a creare problematiche estetiche e psicologiche, possono essere causa di fastidiose lacerazioni, infezioni e irritazioni.

In cosa consiste?

L’intervento ambulatoriale di labioplastica è uno fra i più richiesti e permette di intervenire sia sulle grandi che sulle piccole labbra. Per quanto riguarda le grandi labbra si procede generalmente al rimodellamento, attraverso la tecnica di lipofilling che, con l’innesto di grasso prelevato in alcune zone del corpo della paziente, migliora la tonicità e ridona trofismo alla cute. I risultati sono ottimi, soprattutto per le donne che hanno superato il periodo della menopausa. Invece, per le piccole labbra gli interventi richiesti riguardano un rimodellamento tramite labioplastica riduttiva nel caso di ipertrofia e di proiezione oltre le grandi labbra, oppure un miglioramento della simmetria per problematiche costituzionali o connesse al parto. L’operazione va semplicemente a rimuovere la cute in eccesso offrendo un nuovo aspetto alla zona genitale femminile. L’intervento viene effettuato in anestesia locale e ha una durata di circa mezz’ora.

Per chi è adatto?

Sono candidate a questo intervento le donne di tutte le età in cui l’eccesso di cute non consente una corretta chiusura delle piccole o delle grandi labbra. Ci sono giovani e giovanissime che desiderano risolvere problematiche funzionali che rischiano di diventare fonte di disagio, donne che hanno avuto problemi dopo il parto e persone che subiscono gli squilibri ormonali della menopausa.

Indicazioni pre intervento

Una corretta igiene intima è fondamentale nei giorni che precedono e seguono l’operazione ed eventuali infezioni vanno trattate prima di procedere. Dunque, l'uso di lavande ginecologiche disinfettanti e una depilazione inguinale sono suggerite. Bisogna, inoltre, evitare l'assunzione di farmaci anticoagulanti, come l'aspirina, nei giorni precedenti all’intervento.

Brevi tempi di recupero

La paziente può camminare e/o sedersi già alla fine della procedura. Le complicazioni per questo intervento sono rare, ma sarà importante effettuare lavande ginecologiche al fine di mantenere una corretta igiene intima visto che l’area genitale è interessata da una forte carica batterica e sottoposta a continue trazioni causate dai normali movimenti delle gambe. I punti di sutura applicati sono riassorbibili e scompariranno in 10/15 giorni, dunque il decorso è molto veloce e ha un impatto minimo sulle attività quotidiane: due giorni dopo l'operazione è possibile ritornare al lavoro, l’attività sportiva può essere ripresa in 3/4 settimane e i rapporti sessuali non prima di un mese.